Archive for giugno, 2012

ci siamo quasi…

la pancia è diventata GIGANTE! e poi il piccoletto/a si fa sentire un sacco la sera… rimpie la futura mamma di calci sotto le costole, forse non vede l’ora di uscire anche lui!

staremo a vedere… vi teniamo aggiornati!

email polemica per IM70.3 pescara – italy

dopo la gara di ieri, di cui poi scriverò qualcosa e posterò foto, mi sono sentito in obbligo di mandare questa email a tutto lo staff dell’ironman.

per chi vuole, buona lettura!

To whom it may concern.
It’s a long email, but i believe it is worth reading it.

Hello, my name is Maurizio Martinoli and I have been a triathlete for few years.
I am not one of those high rank triathletes at all, but i enjoy triathlon and i always try to do my best in the races i take part to.

This past weekend (June 10th), i took part for the second time in a row, to IM70.3 in Pescara, Italy.

I would like you to read the rest of this email as it resembles the negative opinions and feedback i received from most of the athletes i met after the finish line. I believe you should really take some counter measures.

Let me start from the very beginning. When i first enrolled in January, i just booked the slot willing to pay in a second moment. On Jan 30th i received an email from Mrs. Simona Di Domenico (whom i cc’ed in this email on purpose) asking to complete the registration. Everything would be ok, except for the fact that she cc’ed all the triathletes that that were in my same situation: so everybody knew who else did not pay. We have a little privacy issue here, don’t you think?
At my request of trying to understand why she did such a thing, she never replied.

Now let’s move forward to june 9th, the day before the race.
I arrived in Pescara at about 11am. I went directly at the registration area with my other friends who had to gather all the information and time chips. In the registration area room there were about 35 degrees (90+F), no air at all and a huge crowd of people. The worst thing was that there were different lines but nobody knew at wich line one should queue up. The reason? There was no sign at all regarding which line a triathlete should have used. The only sign was a little A4 paper on the desk of the staff that was totally unreadable from behind all those people standing up in line.
I myself got in a line, first, and then at the end figured out i was in the wrong line just before getting at the end of it. I then requested the staff to raise that paper so that people in the back could read where to line up, but they said that they didn’t have time to do it.
I figured why! There were only 4 people trying to serve the hundreds of triathletes that gathered there to get all the equipment. Unbelievable. It took me 43 minutes at the end.

Let ‘s move forward to the stuff (i would like to say goodies but i really can’t) that you provided to us.
1) a louzy backpack that must have cost the organization about 1.50 euros
2) sun cream
3) amminoacids
(not even the race rules were in the bag)
Period! That was all that we found as the stuff you provided the triathletes. I find this honestly ridicolous. Not even at the worst triathlon race i have been to i found so little cheap things, it is simply absurd.
The worst thing is that you provided the relay team members the same backpack that you gave us last year. Where thos the ones that were not given out last year? How is this possible?
We didn’t pay 20 euros to participate, we paid 200 euros (at the least). How in the world could you think that the stuff you provided us even gets close to a triathlete expectations that comes to an officile IM race?

Now, let’s go to the race, where the situation gets even worse.

Swim: the length was much above 1900mts as an official 70.3 should be. One of my friends, who has the GPS working also in the water, told me it was 2450mts. You can also check the splits of the pro’s, check at how much it took them to get out of the water.
What happened? Can anyone explain? Did the tide move the buoy during the night? Even if that is the reason, that is your problem to check. I cannot believe that we had to swim so much more in an official competition.
We are swimming in the sea and, yes, there are tides. You should check if the buoyes move, cannot afford this kinds of mistakes!

But you know what? It’s getting even worse on the bike.
First of all: they were not 90k. On my bike i had 95k’s, i asked around and everybody had between 94 and 95k’s. Why? We are not talking about 1k above the standard, we are talking about between 4 and 5k’s above the official distance. How in the world is this possible?
Plus: on the second refreshment point i asked for water and salts. I received, what i thought, was water and salts. When i drank it i realized i received 2 bottles of salts. I was totally mad. I had to do other 35k’s with only salts!
I thought it was my mistake, maybe i didn’t hear right, maybe i went by the refreshment area and did not understand what they were giving me.
But the fact is that i asked other triathletes during our last 35k’s and they had ALL the same problem, they all received only salts, no water. So, you ran out of water at the second refreshment!
Are you kidding me? Are you serious? This is just unacceptable.

Run: there was one refreshment with only water, no salts, no coke, just simple water with about 30 degrees under the sun.
The end on the northern side of the course could be easily “cut” since there was no timing carpet at the end, and trust me that some did cut that part since it was a long way going towards north and then back to the southern part. Again, how is this possible? A carpet should have been put at the end of the race buoy. Generally speaking, nobody should cheat on these races, but there are still some that like to cheat. A carpet and both ends is the only solution. Should i be the one that tells how to do such a thing?

End of the race.
At the athlete’s garden there was no food at all except for the same exact things that were present at the refreshment points. How can you think that a triathlete, after 5+ hours of race could ever want to eat those things?
Personally, if i had to drink a sip of salts i would have throwen up. The same thing was for all the athletes there.
There was only coke, water, salts and fruits. This is simply unbelievable. There was no pasta, no sweets, meat, ham, cheese… again just the same things that we could find at the refreshments points. Absurd.

But the best thing comes with the finisher t-shirts. This year has been even worse than last year.
This year you honestly beat all the records.
The finisher t-shirt was a “kalenji” tshirt sold by decathlon store at about 3 euros to the public. If that was not enough, on the back there is a huge “decathlon” logo which is really totally pointless. Decathlon was not a sponsor of the race, so i believe that the tshirts were given to the organization for free at the “cost” of printing out that ugly logo. Genius, isn’t it?
There was one triathlete in front of me that, after receiving this louzy tshirt, was so angry that was swearing like a mad man.
After 5+ hrs of race a triathlete that paid 200+ euros expects more, believe me. I don’t think it is hard to understand.

Wrapping up all the feedback.
All the above points were raisen up by ALL the athletes i met after the race, no excpetions.
The worst thing is that your “name” as the official IronMan, gets a really bad word mouth at least here in Italy.
A lot of athletes yesterday took part for the very first time to an international triathlon race, expecting something perfect, with a top-notch organization. Instead they were all unsatisfied by the organizations faults and mistakes. It looked like more as a local triathlon race with a couple of hundreds of triathletes, rather than an official IronMan race as we all know.
The IM races all over Europe are totally different and the organization is close to perfection.
In Pescara was everything but perfect. So many faults, so many mistakes, so many issues that it is unbelievable.
I don’t know if this depends on you, on the local organization, on the local administration, on your partners. Whatever. What happened yesterday is unacceptable at all levels.

Personally, if there is a IM70.3 in Pescara next year i will definitely not  participate (and this is the same feeling lots of athletes had yesterday).

Just for your information, i am posting this email in several triathlon specific sites in order to gather more information and disappointment (if any) from who took part at yeterday’s race.

I really hope to receive a feedback from you.

Regards

Maurizio Martinoli

foto dell’IronMan 70.3 di Pescara

ed ecco qualche foto dell’IM70.3 di Pescara.

è stata dura, durissima, soprattutto per le distanze non proprio ufficiali… lasciando da parte le polemiche godetevi le foto!

racconto dell’ironman 70.3 di pescara

tralasciando le polemiche, vorrei raccontarvi questo mio secondo ironman 70.3 (o anche detto mezzo ironman) fatto a pescara.

arriviamo sabato mattina, stavolta con carlotta proprio al limite del parto, del tipo “arrivo prima io sulla finish line o partorisce prima carlotta?”

ritiro il pacco gara (se fossi polemico potrei dire il misero pacco gara) e andiamo a lasciare le bici nella lunghissima zona cambio. era veramente lunga, me ne sarei accorto meglio dopo la frazione di nuoto.

insomma, la sera a letto presto chiaramente e la mattina sveglia alle 5.30 per fare tutto con molta calma.

usciamo dall’hotel e ci dirigiamo alla fermata dell’autobus che sarebbe dovuto passare alle 7.00. niente, alle 7.05 non si vedeva ancora nessuno e, visto che la zona cambio era aperta dalle 7.00 alle 8.00, decido di fermare un forgoncino per farci dare un passaggio.

fortuna vuole che fosse il fonico della manifestazione e un altro po’ ci stava portando direttamente col furgone nella zona cambio.

sistemo tutto, mi incontro con un po’ di facce conosciute e vado verso la spiaggia.

sale la tensione. io sono nella seconda batteria, quella delle 8.40. parte la prima batteria alle 8.30 e noi della seconda entriamo nella checkin area. ho la muta già infilata, chiaramente, e sto sudando come un pazzo.

arrivano le 8.40. sparo. corriamo tutti in mare ma l’acqua è bassa per diverse decine di metri. tanto è la foga che stavo facendo una fatica assurda a correre con l’acqua sopra le ginocchia. avrò avuto il cuore a 180! a quel punto mi sono detto “fermo, così se cominci a nuotare affoghi… respira, fai scendere il battito e comincia a nuotare”.

e così ho fatto. comincio a nuotare, stavolta vado anche abbastanza dritto nonostante le botte prese e date da altri triathleti.

come hanno detto in tanti, la frazione è molto più lunga dei 1.900mt standard, non si arrivava più!

esco dall’acqua in 40’44” (troppo… ho pensato che o ero stato una pippa (possibilisimo) o che era più lunga di 1900), corro verso la zona cambio (infinita) e davanti alla mia bici incontro carlotta e i miei! bella sensazione… i miei erano partiti la mattina stessa per venirmi a trovare e a fare il tifo.

come al solito mi impicco per togliere la muta (la gamba della muta si era incastrata al chip alla caviglia… vabbeh!).

infilo caschetto, occhiali, pettorale e via per i 90km di bici (che poi scoprirò mio malgrado che sono 94/95)

sto abbastanza bene, tengo velocità discrete per i miei standard. solo che in pianura mi passano dei treni sulle bici da crono che fanno paura!

non so come fanno ma vi giuro che se pure avessi dato il massimo non sarei mai riuscito neanche a stargli in scia. moralmente è un macigno!

in salita, devo dire, ne riprendo parecchi ma mai a sufficienza rispetto a quante crono mi passavano in pianura/falso piano.

l’ultimo tratto, quello che dal secondo giro tornava verso pescara sulla statale, è stato un po’ un massacro.

un po’ il vento contrario, un po’ era falso piano e un po’ mettiamoci pure che al secondo ristoro i geni della organizzazione avevano finito l’acqua e io mi sono ritrovato solo con i sali… robba da vomitarsi l’anima!

su quel tratto lì poi, mi sono passati un paio di treni di 6/7 bici in scia, neanche fosse una gran fondo.

per un momento, sotto sofferenza, ho pensato per un attimo di accodarmi anche io. poi però mi sono detto: ma se è una gara senza scia, perchè bisogna fare la scia e “rubare” a tutti i costi? no, la scia non la faccio, dovessi andare a 15km/h ma non la faccio, che senso ha? non è che sto combattendo per il podio, pippa come sono!

insomma, si torna a pescara, gli ultimi 2km sono dentro le strade cittadine.

scendo dalla bici in 3h 08′ 02″ una media di 30,8km/h, buonissima per me.

in zona cambio lascio tutto al volo sulla rastrelliera, metto le scarpe da corsa, giro il pettorale, indosso la visiera (grandissimo acquisto fatto il giorno prima allo stand ufficiale IronMan… non vi dico il prezzo senno’ mi prendete per il culo da qui a natale) e riparto.

dall’altra parte della rastrelliera incontro maruska e le chiedo se gli altri erano a posto (erano partiti prima, quindi sicuramente erano arrivati in zona cambio prima). lei mi dice tutto ok… scoprirò a fine gara la gag!

ero talmente stralunato che non ho visto che dietro maruska c’era marco che si stava vomitando l’anima vicino a un secchione. ormai per lui è diventato apputamento fisso a pescara vomitare dopo la bici!

c’è chi prende il gelato sempre nello stesso posto, chi prende la cabina sempre allo stesso stabilimento… marco invece vomita sempre a pescara dopo la frazione di bici!

insomma, parto per la frazione di corsa ma sento le gambe molto stanche. ho pensato “passerà”… e invece.

insomma a piedi è stato un trascinarsi per 21km. avrei voluto fare meglio ma avevo finito la benzina.

devo dire che, dopo aver preso il gel con la caffeina, mi ero ripreso per qualche km, ma è stato un raggio di luce nel buio!

un po’ il caldo, un po’ le salite di quel maledetto ponte (ho visto della gente che arrivava talmente cotta che si fermava sulla salita del ponte a vedere il panorama (tipo valerio!) per riprendersi!), un po’ quel giro di boa lunghissimo sul lungomare che moralmente ti buttava giu…

insomma, se non fosse stato per carlotta e i miei che mi incitavano, per tutti gli altri compagni di squadra con cui, ad ogni incrocio, cercavamo di salutarci ed aiutarci (dico cercavamo perchè a volta speravo che non mi vedessero per non sprecare fiato a salutare! :-) ) per la gente intorno che ti salutava e ti spronava, sarebbe stata molto più dura.

chiudo la frazione di corsa in 1h 51′ e 37″, un tempo da vera chiavica ma che, per assurdo, mi ha fatto recuperare 100 posizioni rispetto all’uscita dalla bici (pensate a quanti sono “morti” su quella frazione).

chiudo la gara in 5h 46′ 51″, 413° assoluto. buono, avrei potuto fare di più sulla corsa, ma va bene così. mi sono divertito, ho sofferto ma sono arrivato fino in fondo!

ad maiora!

l’ospedale: un posto strano

ieri sono stato con carlotta a fare il monitoraggio, una visita routinaria che si fa poco prima di partorire.
non ho mai avuto tanta simpatia per gli ospedali. non per la gente che ci lavora, anzi… alcuni sono veri eroi secondo me. quanto per l’ambiente e l’atmosfera che si respira.

il reparto ostetricia del santo spirito è disposto su un’ala. si salgono le scale e c’è un piccolo spazio con sedie dove attendere. questo spazio è però condiviso con le persone che attendono per entrare nell’altra al del piano: reparto terapia intensiva.

insomma, sullo stesso piano c’è chi è strafelice e se piange lo fa per gioia, e chi invece piange per tutt’altro.

proprio ieri, mentre aspettavo carlotta, c’era una signora che si disperava perchè era successo qualcosa al marito (non ho voluto capire/indagare sinceramente). insomma, se da una parte c’erano i neo-papà in attesa di un bimbo o di una bimba con ansia mista a felicità, dall’altra c’erano parenti disperati che forse stavano perdendo un loro caro.

è proprio questo che non mi piace degli ospedali. è già raro che uno vada all’ospedale per un fatto positivo. per quella volta su 100 che va per qualcosa di bello è purtroppo inevitabile scontrarsi con qualcuno che invece sta malissimo.

a volte sarebbe bello vivere alcuni momenti senza doversi necessariamente calare nella realtà, vivere qualche ora in un mondo ovattato fatto solo della tua realtà!

l’attesa

20120621-071958.jpg
forse ci siamo… stavolta ci siamo.
a mezzanotte sono iniziate le doglie, prima leggere e ad intervalli lunghi, poi sempre più frequenti e dolorose.
non sapevamo se venire in ospedale per paura che ci rimandassero a casa.
poi peró alle 3.45 ci siamo messi in macchina e siamo arrivati al santo spirito.
avevamo fatto bene: carlotta è in travaglio e in questo momento io sono in sala d’attesa mentre lei è a fare il monitoraggio.
ha le contrazioni ogni 3min esatti e durano esattamente 45sec. la natura e il corpo umano a volte sembrano macchine perfette.
io sono qui da solo, nel corridoio.
nella testa mi frullano 5 milioni di pensieri. paura, curiosità, terrore, ansia. mi si sta arrovellando il cervello. ho talmente tanti pensieri che non riesco a portarne a termine uno prima che il successivo prenda il sopravvento.
sono pronto? bah! finora sono stato iper tranquillo, forse proprio perchè non ho mai realizzato a pieno quello che ci stava per succedere.
ora che sono di fronte fisicamente a questa situazione le cose cambiano.
si, ho paura. ho paura di non essere all’altezza. in fondo essere padri non è una materia che si studia. si impara strada facendo.
il problema è che si impara sulla “pelle” di tuo figlio, insomma non è proprio come essere bocciato ad un esame.
poi peró penso che ci sono passati tutti e in fondo sono tutti sopravvissuti.
l’esperienza che ci aspetta stravolgerà totalmente le nostre vite ma noi la prenderemo sempre e comunque con la spensieratezza che ci contraddistingue.
a più tardi!

benvenuta gaia!

con calma cercherò di scrivere qualcosa!

[ok, ora forse ce la faccio!]

quel momento. c’è un momento, poco dopo il parto, quando capisci che lei si è accorta di te. ti guarda con gli occhietti tutti caccolosi, sei sicuro che sta gaurdando proprio te. sembra sorriderti, apre la bocca come per volerti dire qualcosa.

ecco, in quel momento ti sciogli letteralmente e capisci che non la lascerai mai. non so se questo si chiama amore incondizionato ma funziona proprio così. qualcuno te lo racconta prima, cerca di dirti come funziona e tu sei lì a dire “si vabbeh, come no, certo…”

poi un giorno capita a te ed è una sensazione indescrivibile.

non voglio scrivere tanto altro perchè non sono nemmeno bravo a mettere in parole quello che sto provando. so solo che sono l’uomo più felice del mondo in questi giorni!