Archive for aprile, 2012

buddha a marsa alam

20120409-183331.jpg
eccola, la piccola buddha, manci tanto piccola, spiaggiata sul pontile di marsa alam… ma chi sta meglio di lei?

belly kissing

20120411-184231.jpg
questa foto è venuta così, peró ci piace cmq!

impazzire per un passeggino

stiamo letteralmente impazzendo per trovare il giusto passeggino per il/la marmocchio/a. ci sono tanti di quei modelli e funzioni in giro che è da diventare stupidi!

prima eravamo convinti del chicco, stavamo lì lì per comprarlo ma poi ce lo hanno sconsigliato. e ci hanno messo in crisi. seriamente!

mi sono messo a girare su internet e il mondo sembra impazzito per i passeggini, una cosa senza senso. ma quanti modelli e colori esistono? avete presente l’infinito? ecco, aggiungete un po’ e avrete il numero esatto di tutte la varianti esistenti.

chiaramente ognuno su internet dice la sua, ognuno ha il suo consiglio e ognuno dice che il suo è il migliore. chiaramente.

oltretutto questi passeggini costano quasi come una vespa, alcuni hanno dei prezzi allucinanti.

alla fine siamo orientati per l’inglesina zippy trio. non voglio leggere più nessun commento su internet. prenderemo quello e basta, altrimenti divento stupido a forza di cercare tra i vari forum!

ritorno da marsa alam

siamo appena tornati dall’ultima vacanza in due… sigh! :-(

stavolta abbiamo fatto un viaggio totalmente differente dai nostri soliti viaggi, per ragioni logistiche della panzona. una settimana total relax in villaggio a marsa alam!

abbiamo scelto il tulip beach resort, della phoneandgo, e dobbiamo dire che ci siamo trovati bene. il posto è chiaramente isolato dal resto del mondo, non è che puoi uscire al sera a farti 4 passi, diciamo che vivi dentro il villaggio per una settimana. chiaramente loro organizzano escursioni, ma noi, stavolta, ce la siamo presa veramente comoda.

io ogni giorno però andavo a fare le immersioni e devo dire che ne è valsa la pena. purtroppo non ho visto il dugongo, un animale bruttissimo chiamato “vacca di mare”, già il nome diciamo non si presta! è una sorta di delfino di 3mt più ciccione che sta sempre sul fondale e mangia le alghe che crescono, tipo una mucca che bruca… insomma non l’ho visto ma in compenso ho visto tartarughe, squaletti, razze giganti e migliaia di pesci tropicali.

abbiamo fatto qualche foto, ma giusto per dire che ci siamo stati… sono tutte fatte con l’iphone, quindi una mezza cagatina… tanto per ricordare il posto!

prevedo un travaglio singolare

siamo al corso preparto, dove le gestanti dovrebbero imparare a gestire questo momento tanto sconvolgente quanto stupendo. in questo incontro sono invitati anche i futuri papà, insegnano come gestire le contrazioni durante il travaglio.
si parte con il rilassamento, ovvero spiegano come rilassarsi tra una contrazione e la successiva. fanno sdraiare le future mamme su un materassino e iniziano una sessione di rilassamento.

dopo circa 5 minuti simulano una contrazione dove dicono di respirare profondamente con il naso e espirare con la bocca. mentre c’è la finta contrazione l’ostetrica batte le mani e alza la voce. tutte, ma proprio tutte, cominciano a respirare più forte. mi giro verso carlotta che sembra respirare normale. non fa come le altre

la cosa si ripete per ben 4 volte e tutte e 4 le volte carlotta non segue la respirazione come facevano tutte. beh, la spiegazione è semplice: si era addormentata! ma si può dico io? cioè l’ostetrica strillava e batteva le mani quando c’era la finta contrazione, e lei invece stava proprio facendo una pennica!

non contenta di ciò, si sveglia, va in bagno a fare pipì esattamente quando l’ostetrica spiega come posizionarsi quando bisogna spingere il bambino fuori.

che dire: a meno che non prendiamo ripetizioni, in quel momento improvviseremo!

ed ecco a voi il marmocchio o la marmocchia

questa è la ecografia 3D appena fatta… purtroppo non era posizionato benissimo, aveva le braccia davanti al viso e la ginecologa non è riuscita a fare la eco come avrebbe voluto. vi dico solo che ad un certo punto si stava ciucciando il cordone ombelicale!

fatto sta che questa foto è la migliore che sia venuta… dicono che assomigli tutto al papà… certo, poi bisogna vedere chi è effettivamente il padre! :-)

comunque siamo proprio contenti, adesso non vediamo più l’ora che esca e si faccia vedere per bene!

triathlon olimpico lago di vico

che poi si è trasfomrato in un duathlon classico!

ebbene sì, seconda gara della stagione e seconda gara che per meteo avverso annulla la frazione di nuoto (ieri c’erano 11 gradi in acqua, troppo fredda, il regolamento prevede l’annullamento sotto i 13 gradi).

quando hanno dato la notizia non sapevo se essere più contento o no. la gara passava dall’olimpico (155mt di nuoto, 40km di bici e 10km di corsa) in un duathlon classico (10km di corsa, 40km di bici e 5km di corsa).

il punto è che se da una parte si evitava la tonnara in acqua, dall’altra, partendo di corsa, si sarebbe partiti a cannone e sapevo già che sarei arrivato con le gambe imballate sulla bici! e così è stato!

il percorso, oltretutto, è stato durissimo, continui sali e scendi sia in bici che a piedi!

la prima frazione di corsa sono andato bene, ho tenuto un buon ritmo. poi, salito in bici, è stata dura. ho provato a tenermi in scia a quelli più forti, riuscivo a tenere per qualche chilometro, ma dopo 2/3 strappi che davano mi si imballavano le gambe e non riuscivo più a tenerli. ho perso veramente un sacco di posizioni!

poi l’ultima frazione è stata più una cosa del tipo “cerca di finire vivo”. la salita era durissima, avrò fatto 6’/km (tradotto 10km/h). ho ripreso un sacco di moribondi ma sono stati 5km durissimi!

ho finito 69° su 224 arrivati, il tutto in 2h e 19′. sarei potuto andare sicuramente meglio in bici ma purtroppo sono verametne poco allenato sulle due ruote… vedremo alla prossima!

tostissimo, sono arrivato in 2h e 19min, classificato 69° su 225 arrivati.