un motivo c’era, non me lo ricordo…

ieri bacco non c’era  a cena, alchè mi fa “guarda c’è il riso, fattelo con il radicchio”… ok. la sera torno dalla piscina alle 8.45 con una fame che mi si portava via… metto subito a fare il brodo, poi apro la credenza in cucina, dove tiene pasta, riso ecc. ecc. vedo la scatola del riso, la tiro fuori e sorpresa… era una scatola vuota, non c’era niente dentro! minchia, mi sono detto, c’ho troppa fame, manco il riso c’è… ho strappato la scatola e l’ho buttata al secchio… visto che ormai avevo fatto il brodo, l’unica cosa che potevo farmi era la minestrina… ch’amarezza!

quando è tornata carlotta le faccio “sei proprio una sola, manco il riso c’è a casa… solo una scatola vuota! mi sono fatto una minestrina… tacci!” e lei mi fa “ma che sei deficiente, mica avrai buttato la scatola? il riso sta in un barattolo da un’altra parte! dimmi che non hai buttato la scatola”. io ero allibito, seriamente. “scusa, ma che minchia ci fa una scatola vuota dentro la credenza e il riso da un’altra parte???” e lei “la scatola mi serve per sapere in quanti minuti cuoce il riso; c’era pure un motivo del perchè ho messo il riso in un barattolo invece di lasciarlo nella scatola, però adesso non me lo ricordo… e te sei un cretino che hai buttato la scatola!”

ogni commento è superfluo…

Leave a Comment

*