roma-ostia: 1h 33m 59s… eddaje!

ce l’ho fatta! sono sceso sotto il muro di 1h e 35m su una mezza maratona… ho corso la roma-ostia di oggi in 1h 33m e 59s, manco 1h e 34m… madonna quanto sono soddisfatto! quando ho tagliato il traguardo e ho visto il cronometro non ci volevo credere! ma partiamo con calma.

questa volta bacco, pentita dell’anno scorso, ha deciso di accompagnarmi e, incredibile a dirsi, ha fatto la levataccia alle 7 con me. presa la metro alle 7:45, ci siamo incontrati con gli altri del triathlon ostia a magliana e da lì siamo andati al palalottomatica. come al solito, in ogni roma-ostia, il tempo non è stato bello; la temperatura ha retto bene ma c’era un vento che dio la mandava.

quest’anno non partivo dall’utlima griglia, bensì dalla quarta. una volta entrato in griglia, ci hanno lasciato mezz’ora fermi al freddo. infatti sono partite prima le donne professioniste, poi gli uomini professionisti e poi tutte le griglie distanziate a 5 minuti l’una dall’altra… alla fine noi siamo partiti alle 9:30 quando eravamo entrati in griglia alle 8:55… vabbeh!

alla partenza mi attacco subito ai pace maker di 1h e 35m, ovvero i corridori professionisti che spingono noi amatori a fare quel tempo: ci sono i pace maker da 1h24m, 1h30m, 1h35m, 1h40m, 1h45m, 1h50m, 1h55m e 2h… oltre le due ore ti invitano direttamente a prendere il trenino! comincio bene, sono attaccato ai pace maker per un bel po’ di km… al settimo km inizia la famigerata salita del presidente, quella che da vitinia sale fino alla tenuta del presidente. su quella salita molti si sfiancano, calano il ritmo e cannano l’obiettivo… stavolta però non ho ceduto, ho chiaramente calato un po’ il ritmo, dai 4′ 30″ al km sono salito sui 4’38”, forte del fatto, però, che nei km prima ero sceso a 4’23” (la discesa aiuta sempre).

appena scollinato, all’altezza di via di malafede, mi sono sentito discretamente bene, ed ho deciso di allungare un po’ anche se ervamo solo al 9° km… ne mancavano altri 12! al 10° km prendo il gel (no, non è quello per i capelli, è una botta di carboidrati a rilascio immediato) che allappano la bocca all’infinito! ma, paraculo, me lo sono preso 500mt prima del ristoro dove mi sono sciacquato la bocca con l’acqua. da lì ho cominciato a fare 4′ 20″ al km, tirato da un signore di una 45ina di anni che, ‘cci sua, tirava come un bastardo… in salita era veramente un trattore.

arrivato al 17°km, ovvero a ostia, c’era un bordello della madonna, musica a palla, gente che incitava, applaudiva, urlava! purtroppo, da quel punto mancano ancora 4km, si fanno 2km verso il centro di ostia e 2km a tornare, tutti sul lungomare. in direzione ostia centro, il vento era a favore e sinceramente ho spinto un po’, ma al giro di boa c’era un vento contrario senza senso, c’erano delle folate che quasi quasi mi fermavano… sono stati i 2km più lunghi mai fatti, non ce la facevo veramente più… però ho stretto i denti, ho guardato l’orologio e ho tentato di spingere ancora di più… col vento però non sono riuscito a fare più di 4’38” al km… assurdo!

al traguardo il cronometro diceva 1h 33m e 59secondi… stupendo! considerando il fatto che l’anno scorso, la stessa gara, l’ho corsa in 1h e 48m, sinceramente me la sento veramente calda stavolta! eddaje! spigni e magna, spigni e magna!

Leave a Comment

*