Archive for giugno, 2009

welcome to sciò-o

benvenuti a soho, o come dice carlotta sciò-o! continua a chiedermi perchè si chiama così visto che secondo lei è un nome giapponese. la mia risposta è stata che dopo pearl harbour i giapponesi hanno conquistato manhattan e a quel posto gli hanno dato il nome soho. mi sembrava abbastanza soddisfatta della risposta!

empire

non avete idea di che fila potrebbe esserci nei giorni più affollati qui all’empire. deve essere una cosa da sentirsi male, guardate solo i nastri per far formare la fila in caso di tanta gente… si narrano storie epiche, donne che hanno partorito in ascensore, coppie che si sono sposate in fila, gente che si è pisciata addosso pur di non lasciare il posto…

la grande mela dall’alto

tira un vento che nemmeno nel kansas quando c’è un tornado è così

dal ponte di brooklyn

nyse

eccoci al cuore dell’economia ammerricana.. il new york stock exchange, il vero simbolo del capitalismo.

9/11

siamo arrivati a quello che prima era il worlsld trade center. non si può visitare molto ma c’è una piccola chiesa accanto al wtc che fungeva da dormitorio per tutti i soccorritori del 9/11. praticamente ora è diventato un piccolo museo con cimeli di ogni genere, dagli scarponi alle patch dei vigili, dai racconti alle foto delle persone scomparse. veramente toccante…

giro in battello

ci siamo fatti un bel giro in battello intorno all’isola di manhattan da dove si poteva vedere un bellissimo panorama di tutti i grattacieli (che si capisce che non sapevo che scrivere?)

i radical del village

greenwich village è l’unico posto dove le strade non sono perfettamente squadrate come il resto di manhattan… qui sembra di essere più a trastevere che nyc. il poato è molto carino, pieno di negozietti strani e locali per, diremo, omosessuali

pure una “vespa”

ho beccato una vespa che in realtà vespa non è, bensì un stella della lml indiana. in realtà ho pure visto una vera vespa solo che non ho fatto in tempo a fotografarla. doveva essere una vnb o vbb solo che era grigia e con un faro posteriore inguardabile. in ogni caso ci sono tante vespe frullino, ovvero quelle senza marce per i pesaculo della frizione…