Archive for dicembre, 2008

super mario bros, quello vero

veramente un genio!

[HTML1]

taboo

ieri sera insieme a carlotta abbiamo organizzato una cena per cercare di dcidere sul capodanno… a parte il capodanno abbiamo giocato a taboo, quel gioco dove devi cercare di far capire una parola alla squadra senza citare dei sinonimi scritti sulla carta.

ci sono state delle scene epiche, tipo la mia con fabrizio che è andata più o meno così:

m: allora, gli abitanti della valletta
f: vallettesi!
m: ma che minchia dici? ok la valletta è la capita di?
f: malta
m: ok quindi gli abitanti sono?
f: maltesi!
m: uno?
f: maltese
m: ok, ricordartelo… ok fabbrì, il tuo pisello è?
f: corto!
m: perfetto allora?
f: corto maltese!
m: grandeeee!!!

eccovi pure un paio di video, anche se le scene più belle purtroppo non sono state riprese! :-(

[HTML1]

[HTML2]

ce l’ho fatta…

è da 30 anni che sognavo questo momento e finalmente è arrivato! sono riuscito a risolvere il maledetto cubo di rubik!!! una soddisfazione sena eguali…

ok, mi sono aiutato con youtube, però sappiate che non è per niente facile anche con le istruzioni. sono tutti algoritmi da seguire e appena sbagli una mossa sei fottuto, devi riniziare da capo, non hai proprio speranza di riuscire a riprendere il filo.

cmq il sig. rubik doveva essere uno veramente malato, ma di brutto! non si sa come cavolo abbia fatto a tirar fuori una cosa del genere… senza algoritmi penso che sia impossibile, secondo me nemmeno lui lo sapeva risolvere! in ogni caso ho dato un senso a questi 30 anni di vita! :-)

ormai sto bruciato

mi è presa veramente a male!

[HTML1]

[HTML2]

Una poesia speciale per augurarvi un caro e felice Natale!

C’è qualcuno nel camino, con un sacco: già, è Natale!
E’ un omino calvo e piccino…
…ma non sta scendendo: sale!
Sta ciulando tutti i doni…
Cavolo! E’ Berlusconi!

destinazione istanbul

eh già… si va ad istanbul per capodanno… non vediamo l’ora!
cmq pensavo ai turchi, poveracci… si dice che si fuma come i turchi, si bestemmia come i turchi, si caga alla turca poi però, quando bisogna trombare, allora si tromba come ricci!