“ammazza che bello”

“ammazza che bello” e “madonna che spettacolo” sono le uniche due frasi ripetute da me e carlotta ad intervalli di 2 minuti da quando abbiamo lasciato il porticciolo.
appena salpati si sono avvicinati dei delfini che insieme alla nostra barca hanno nuotato a prua per un po’… una cosa spettacolare, almeno io e carlotta non l’avevamo mai visto!
dopo diversi passaggi in mare che cambiava tonalità dal turchese al blu profondo ci siamo fermati in una caletta con una spiaggia deserta da cartolina! una cosa senza senso, veramente!
a quel punto siamo approdati con il tender alla spiaggia e ci siamo spinti dentro in una natura sconvolgente… gli alberi, le piante da frutto, i bambù e i banani hanno ricoperto ogni singolo centimetro di terra. camminiamo facendoci spazio tra cespugli ed erba per arrivare in cima ad una collina da dove si gode di uno spettacolo unico: si vedono i due lati della baia e fino alla barriera corallina dove il mare diventa di un blu profondo!
(ah cmq se rinasco banano, per piacere trapiantatemi su questa collina!)
quando siamo riscesi ci siamo fermati sulla spiaggia, ci siamo presi dei cocchi e dei pompelmi dietro la spiaggia direttamente dagli alberi e ce li siamo tagliati col macete… non vi dico che cosa erano… uno spettacolo!
ora siamo qui sul ponte a goderci il tramonto con il sole che scende dietro l’isola di raiatea… insomma voto al primo giorno: 10 e lode con bacio accademico!

Leave a Comment

*